domenica 22 novembre 2020

Sorrisi di una notte d'estate

 Benvenuta, benvenuto, al secondo articolo della rubrica " Tutti i film di Ingmar Bergman " .

Oggi parlo di Sorrisi di una notte d' estate, Sommarnattens leende, 1955.

E' una commedia brillante, pepata e tutto sommato divertente. Soprattutto per essere di Bergman, conosciuto per film molto, molto seri. 

E se non li conosci, non temere, arriveranno presto. (pensa che il primo film che vidi, tanti anni fa, fu Sussurri e grida ...  Rimasi alquanto sconvolta. Mi sa che non ero pronta !).

                  

Anne e Fredrik a teatro, Desirée è in scena.

                    
Desirée, ex amante di Fredrik,  in scena.


Anne, la giovane bellissima ragazza della prima foto, è sposata da 2 anni con il serioso avvocato Fredrik, un vedovo ben più grande di lei.

Una sera vanno a teatro, a vedere una commedia con la famosa Desirée Armfeld. 

Recita: «L'amore è come un giocoliere con tre clave: cuore, parole, sesso. È molto facile giocare con le tre clave, ma è anche molto facile farne cadere una per terra».

Guarda dritto verso Fredrik e sorride. 

Anne se ne accorge, ed inizia ad essere un tantino preoccupata, tanto da farsi portare subito a casa. 

E' una ragazza insicura, che, piccolo particolare, è ancora vergine. Eh si, il matrimonio non è stato ancora consumato. 

Anne è fonte di continua tentazione e conflitto interno per un giovane che vive con loro, ovvero il nipote di Fredrik, uno studente di filosofia.

                                              

C'è tensione nell'aria ! 


Questo secondo la fantasiosa censura italiana dell'epoca: in realtà Henrik è il figlio del primo matrimonio di Fredrik, e non studia filosofia, ma studia per diventare prete. 

Quando rientrano da teatro, prima del previsto, trovano allegria in casa, fra Henrik e la cameriera Marta. 

                                 

C'è tensione nell'aria, lei gelosa, lui con la faccia colpevole ... 

Marta lo provoca continuamente, gli ha proprio messo gli occhi addosso, e non è molto timida. 

                     

Riconosci Harriet Anderson di Monica e il desiderio?

Dopo aver messo la moglie a letto, Fredrik esce di soppiatto, e torna a teatro. La commedia è appena finita, e va a trovare, dopo tanto tempo, Desirée in camerino. Escono poi insieme dal teatro, ma lui va a finire in una pozzanghera. Lei lo fa salire e gli offre camicia da notte e vestaglia del suo amante attuale, il conte Malcom.

Quando lui torna a casa, la situazione è questa: 

                          

L'avvocato, scampato il duello, torna a casa  in camicia da notte. 
  

L'amore di Desirée per Fredrik è ridestato, ed organizza una cena in villa, a casa della madre, per cercare di riconquistarlo. 

                                         

Desirée chiede all' arzilla madre, di organizzare la cena. Poi capirete perché scrivo arzilla.

  Nel frattempo Anne riceve una visita dalla contessa Malcom, che va ad informarla che hanno visto il marito uscire la notte, in camicia, dalla casa di Desirée.   

Arriva la posta con l'invito alla cena. Anne accetta. 

Tutti i personaggi vanno in questa villa. 

Ecco l'arrivo : 

                           

L'eleganza. 

La contessa rivuole suo marito, Desirée vuole l'avvocato, il futuro sacerdote vuole Anne, la cameriera vuole il futuro sacerdote, e Anne chi vorrà ? E l'avvocato ?   

Cosa succederà a cena? E dopo cena?  

 Ma non sarò io a svelare il finale. 😉

Spero di essere stata una lettura piacevole, di averti incuriosito, e se guardi il film, fammi sapere.

A presto, e buona giornata. 

Sara 



Nessun commento:

Posta un commento